25 Giugno 2016

DOMENICA 26 GIUGNO:

PIAZZA CAVALLI, PORTICI DI PALAZZO GOTICO

ore 12,00: Storie di questo mondoMaurizio Matrone presenta Marilù Oliva

AREA ESTERNA PALAZZETTO DELLO SPORT

ore 22,00: Live Music – Palco Internazionale – LURRIE BELL (USA)

Un venerdì e soprattutto un sabato ricchissimi di ospiti ed appuntamenti per Dal Mississippi al Po, con eventi in diverse location della città, e per il week end piacentino, il festival di Fedro ha in programma un altro paio di appuntamenti nella giornata di domenica 25, prima di proseguire con le rassegne che avvicineranno alla seconda parte del festival, quella che si svolgerà a Travo (PC) dal 7 al 9 luglio.

La domenica del festival si scinde in due momenti distinti, uno interamente dedicato alla letteratura, l’altro alla musica live. Nella tarda mattinata, intorno alle ore 12, l’appuntamento è sotto ai portici di Palazzo Gotico dove si terrà una chiacchierata tra Maurizio Matrone e Marilù Oliva. Nata a Bologna, Marilù Oliva scrive narrativa e saggistica e insegna lettere alle superiori. Dei suoi romanzi, tre sono dedicati al personaggio della Guerrera: ¡Tú la pagarás! (Elliot, 2011), finalista al Premio Scerbanenco, Fuego (Elliot, 2011) e Mala Suerte (Elliot, 2012). Nel 2014 ha pubblicato, sempre con Elliot, Le Sultane e, l’anno dopo, Lo Zoo .  Si interessa da tempo di questioni di genere e ha curato l’antologia Nessuna più – 40 autori contro il femminicidio, patrocinata da Telefono Rosa. Collabora con diverse riviste di attualità e letterarie online ed è caporedattrice di Libroguerriero. Il nuovo romanzo di Marilù Oliva,  Questo libro non esiste, uscirà i primi di luglio per Elliot e nell’incontro piacentino non mancheranno alcune anticipazioni.

Il secondo è ultimo appuntamento della domenica di Dal Mississippi al Po, che chiude quindi la prima parte di festival, è per le ore 22 all’Area Live, nel cortile del Palazzetto dello Sport di Via Alberici dove si esibirà il grande Lurrie Bell. Figlio del famosissimo armonicista blues Carey Bell, Lurrie ha imbracciato la chitarra del padre a soli cinque anni. Il suo talento è stato subito riconosciuto dai molti bluesmen della scena di Chicago che gravitavano attorno alla sua famiglia, come Eddie Taylor, Big Walter Horton, Eddie C. Campbell, Eddie Clearwater e soprattutto l’immenso Muddy Waters, personaggi che hanno contribuito a dare forma alle sue innate doti. Negli anni dell’adolescenza, che Lurrie ha trascorso fra Alabama e Mississippi, si è avvicinato alle sonorità della tradizione gospel. A diciassette anni Lurrie inizia una strabiliante carriera live al fianco di Willie Dixon, nel 1977 è tra i fondatori dei The Sons of the Blues e l’anno seguente inizia per lui un lungo periodo da turnista con la Koko Taylor’s Band, attività intensissima che non gli impedisce comunque di continuare a produrre musica con il padre e di collaborare con numerosi altri musicisti. Non è solo il suo eccezionale talento di chitarrista ad essere universalmente riconosciuto, ma sono anche la sua profonda conoscenza dei differenti stili di blues e la sua espressività artistica gli valgono menzioni sulla stampa specializzata. Questa spirale di successi si interrompe negli anni ’80, quando Lurrie è costretto a prendersi un lungo periodo di pausa per affrontare i suoi demoni, ma a metà dei novanta torna a far parlare di sé, e la sua carriera prende velocità nei primi anni duemila. Dopo aver inciso diversi dischi con le più prestigiose case discografiche del genere, come la Alligator Records, Lurrie ha fondato la propria etichetta, la Aria B.G. Records, sotto la quale ha pubblicato i suoi ultimi lavori; negli ultimi tempi, inoltre, ha ricevuto la consacrazione definitiva con l’award come “Song of the Year” con “Blues my Soul” ai Blues Music Awards del 2014 e l’anno successivo, allo stesso contest, si è portato a casa il titolo di “Traditional Blues Male Artist’s”.

Il live di Lurrie Bell prevede un biglietto di 10 euro, ma chi volesse accedere all’Area Live per cenare agli stand gastronomici, senza assistere al concerto, avrà diritto al rimborso, previa l’uscita entro le ore 22.

I prossimi appuntamenti con Dal Mississippi al Po sono per martedì, mercoledì e sabato della prossima settimana, quando riprenderanno le rassegne Bala cui Ratt, con il live dei Lou Tapage alla Muntà di Ratt di Via Mazzini, Fahreblues, con una chiacchierata con lo scrittore Marco Ballestracci e a seguire il live dei RAB4 di Seba Pezzani, e Not(t)e di Blues sul Po con il concerto del duo Amanda Tosoni & Andrea Caggiari.